Autumn Blues: cos’è e come superarlo

Ti è mai capitato con l’arrivo dell’autunno di sentirti un po’ giù di tono? Di vedere l’attività fisica come qualcosa non più nelle tue corde, oppure di non riuscire più a reggere i ritmi di lavoro perché troppo deconcentrato? Niente panico! Questi sintomi vogliono semplicemente dire che il tuo corpo sta avvertendo, o meglio accusando, l’Autumn Blues.

No, non stiamo parlando di un genere musicale, ma di un vero e proprio disturbo dell’umore con tanto di nome scientifico: SAD (Disturbo affettivo stagionale)

Cause e Sintomi

Sono tantissimi gli italiani che alla prima foglia che cade iniziano a soffrire di questo disturbo. Ma quali sono le cause e i principali sintomi oltre a quelli appena elencati? Vediamoli insieme.

Il primo motivo per cui si verifica l’Autmn Blues, il più evidente, è che le giornate sono più grigie, con meno ore di luce e più fredde. Uno scenario ben lungi da quello a cui eravamo abituati durante la calda estate e che fa emergere dentro di noi una malinconica nostalgia. In secondo luogo, e qui andiamo più nello scientifico, la riduzione della luce solare abbassa il livello di vitamina D, che insieme alla vitamina B, è molto importante per mantenere nel corpo i giusti livelli di serotonina, meglio conosciuta come “l’ormone del buon umore”. Come ultima causa scatenante del SAD troviamo l’alterazione dell’orologio biologico (principale causa dell’insonnia o della narcolessia) e di conseguenza il disequilibrio dei livelli di melatonina.

I principali sintomi causati dall’Autumn Blues sono:

  • Ansia (che può sfociare anche in attacchi panico)
  • Insonnia
  • Narcolessia
  • Depressione
  • Astenia (difficoltà a concentrarsi)
  • Abulia (la voglia di restare al caldo sotto le coperte invece d’iniziare un’attività)
  • Aumento di peso
  • Anedonia (l’incapacità di provare piacere per le attività quotidiane come il nutrirsi o il contatto sociale)

I Rimedi

Per evitare che l’Autumn Blues ci rovini l’autunno esistono alcuni semplici rimedi per cantargliene quattro.

Fare attività fisica

Svolgere attività fisica almeno una volta a settimana permette all’organismo di rilasciare endorfine, preziosi alleati per ottenere grandi quantità di serotonina. Grazie all’aumento della quantità di questo ormone sarai più energico, positivo e di buon umore.

Svegliarsi e andare a letto sempre alla stessa ora 

Come abbiamo detto prima, la riduzione delle ore di luce e in più il cambio del fuso orario, possono alterare completamente il nostro orologio biologico e quindi i livelli di melatonina. Per renderlo di nuovo “puntuale”, l’importante è imporgli un costante ritmo di sonno e di veglia. Dopo già una settimana noterai subito la differenza, sentendoti meno assonnato e più reattivo.

Mantenere un’alimentazione regolare preferendo gli alimenti ricchi di Vitamina B.

Ti sei accorto che durante le stagioni fredde sei più attratto dai cibi ricchi carboidrati? Beh, questa è una risposta inconscia dell’organismo alla carenza di serotonina, di cui tanti alimenti fra cui il pane e la pasta sono ricchissimi. L’importante però è che la dieta si mantenga equilibrata, in modo tale da garantire il corretto apporto di tutti i nutrienti essenziali.
Porta quindi in tavola anche frutta e verdura, ricche di fibre e vitamine, pesce e carne bianca, pieni di proteine salutari, l’olio di semi di mais – il nostro Olio di Mais Cuore – la frutta a guscio e i semi oleosi, come le noci e le mandorle, tutti contenenti grassi benefici. Alcuni alimenti ricchi di Vitamina B, fondamentale per l’aumento di serotonina, sono il pollo, la soia, i fagioli e la già citata frutta, preferibilmente di stagione.

Adesso haitutti gli strumenti per affrontare al meglio l’Autmn Blues e goderti una delle stagioni più poetiche dell’anno.

Per chi volesse mettere subito all’opera i nostri consigli ecco una deliziosa ricetta a prova di SAD: Pollo Arrosto !

 

Buon appetito e buon autunno a tutti!


© 2018 Olio Cuore - Div. di BONOMELLI Srl - P.I. IT01590761209