MANIFESTO DELL’ACIDO LINOLEICO E DELLE SUE CARATTERISTICHE

1. COS’È E DOVE SI TROVA
L’acido linoleico è un acido grasso polinsaturo della famiglia degli omega-6. È un acido grasso essenziale: il nostro organismo non è cioè in grado di sintetizzarlo e deve assumerlo con gli alimenti. Gli omega-6 e l’acido linoleico sono presenti soprattutto negli alimenti vegetali, specie nella frutta secca a guscio, e sono molto concentrati in alcuni oli di semi come il mais, la soia.

2. CRITICITÀ A BASSE ASSUNZIONI
Se l’apporto alimentare di acido linoleico è molto basso, e inferiore ai limiti di sicurezza (1-2% delle calorie totali) compaiono alterazioni cutanee, dei peli e dei capelli. Queste alterazioni, del tutto caratteristiche, regrediscono se l’apporto di acido linoleico con la dieta ritorna sopra questi limiti.

3. ESSENZIALE PER LA CRESCITA DEI BAMBINI
L’acido linoleico è essenziale per la crescita del bambino. Questa caratteristica è riconosciuta da EFSA con il claim specifico: l’acido linoleico è essenziale per la crescita e lo sviluppo del bambino; l’apporto giornaliero deve essere di almeno 10 grammi.

4. IMPORTANTE PER MANTENERE I NORMALI LIVELLI DI COLESTEROLO
L’acido linoleico è importante per la sua capacità di contribuire al mantenimento di valori normali della colesterolemia, e quindi del rischio cardiovascolare. Questa caratteristica è riconosciuta da EFSA con il claim specifico: l’acido linoleico contribuisce a mantenere normali valori del colesterolo nel sangue; l’apporto giornaliero deve essere di almeno 10 grammi.

5. AIUTA A RIDURRE IL RISCHIO CARDIOVASCOLARE
Grazie a questo effetto sulla colesterolemia, ma non necessariamente soltanto per esso, nella grande maggioranza degli studi di carattere epidemiologico, un elevato apporto alimentare di acido linoleico si associa a una riduzione del rischio di sviluppare, nel tempo, malattie cardiovascolari, come l’infarto miocardico. Allo stesso modo, alti livelli di acido linoleico nel sangue o nel tessuto adiposo si associano a una riduzione del rischio cardiovascolare.

6. UTILE PER LA SINDROME METABOLICA E IL DIABETE TIPO 2
Dati recenti indicano anche che un adeguato apporto di acido linoleico sia associato anche una riduzione del rischio di sviluppare la sindrome metabolica e la malattia diabetica di tipo 2. E’ possibile che tale effetto contribuisca alla riduzione del rischio cardiovascolare ricordata al punto precedente.

7. APPORTO ALIMENTARE SUGGERITO
Le linee guida internazionali, sulla base del complesso di questi dati, suggeriscono quindi un apporto alimentare di acido linoleico compreso tra il 4 e l’8% delle calorie totali. Anche le più recenti indicazioni nazionali italiane (CREA) concordano con questa indicazione.

8. QUANTO NE ASSUMIAMO NOI ITALIANI?
In Italia l’apporto di acido linoleico è dell’ordine del 4% delle calorie totali. È pertanto necessario aumentare l’apporto alimentare di questo acido grasso con obiettivi di benessere e di prevenzione cardiovascolare.


© 2018 Olio Cuore - Div. di BONOMELLI Srl - P.I. IT01590761209