Olio Cuore con acido linoleico che aiuta a mantenere i normali livelli di colesterolo
Martina

Martina Grimaldi

Sport:
Nuoto di fondo
Data di nascita:
28/10/1988
Piatto preferito:
Tortellini in brodo
Curiosità:
Ama la moda del presente e del passato, in particolare le scarpe, i viaggi alla scoperta di posti nuovi e il buon cibo. Il suo motto è “insisti, resisti, raggiungi, conquisti”...
Segreto per tenersi in forma:
Palestra e lunghe camminate
Premi e successi:

Olimpiadi di Londra

  • Bronzo 10 km (2012)

Campionati Mondiali di Nuoto

  • Oro 25 km (2013)
  • Argento 10 Km (2011)
  • Bronzo 10 Km (2009)

Campionati Europei

  • Oro 10 Km (2011-2012)
  • Argento 10 Km (2008)
  • Bronzo 25 Km (2010-2012)

Mondiali in acque libere Roberval

  • Oro 10 Km (2010)

Altri premi

  • Collare d’Oro al merito sportivo (2012)
  • Premio LEM Migliore Atleta Europeo dell’anno (2013)
Martina
Intervista

L'unica rappresentante del nuoto italiano ad aver portato a casa una medaglia alle Olimpiadi di Londra 2012

 

 

Il 2012 è stato un anno importante di conferme, come ti senti ad essere l'unica rappresentante del nuoto italiano ad aver portato a casa una medaglia alle Olimpiadi di Londra 2012?

Sono molto contenta perché gareggiavo per tenere alto il nome dell'Italia e poi è stata una grande soddisfazione anche per me perché sentivo un po' di pressione prima della gara: aver portato a casa la medaglia è stato bellissimo. Per quanto riguarda i miei compagni della vasca, mi dispiace molto che non ci siano stati dei buoni risultati però so che comunque hanno dato il 100% anche loro e questa è la cosa più importante.

 

 

Sei specializzata nel nuoto di fondo, qual è la caratteristica più importante che deve avere una nuotatrice di fondo?

Per prima cosa la concentrazione e poi anche un buon livello di sopportazione dello sforzo per periodi di tempo abbastanza prolungati. Penso che bisogna essere un po' predisposti per questo sport, poi con l'allenamento ovviamente si può migliorare sempre di più.

 

 

Rispetto al nuoto in piscina, qual è la difficoltà maggiore del nuoto di fondo?

Ci sono due difficoltà fondamentali: la prima è che si è a contatto con molte altre persone perché nel nuoto di fondo non ci sono le corsie; poi ci sono le difficoltà legate all'ambiente naturale in cui si nuota, come le correnti e le onde, che possono dare altri problemi e influire sulla gara.

 

 

Il 2013 sarà un altro anno importante per riconfermarti al top del nuoto italiano, come ti stai preparando per i Mondiali di Barcellona? Senti già la pressione?

I collegiali sono molto importanti: ne abbiamo già fatti due con la Nazionale e il prossimo sarà in altura a Flagstaff, in Arizona, dal 16 marzo. Ce ne saranno sicuramente altri fino all'ultimo pre-Mondiale e intanto ci sono anche le tappe di Coppa del Mondo e le competizioni italiane per le selezioni per Barcellona. Saranno mesi molto intensi però non ci penso ancora tanto...poi sono scaramantica quindi preferisco non dire niente!

 

 

La tua disciplina ti porta necessariamente ad essere a stretto contatto con la natura, ti piace questa particolarità del nuoto di fondo?

Sì, mi piace molto essere a contatto con la natura. È uno degli aspetti più belli della mia disciplina... Mi ricordo che una volta abbiamo fatto una gara in una baia protetta in Messico quindi dovevamo prestare particolare attenzione ai rifornimenti perché di solito i nuotatori lasciano le bottiglie in mare anche se gli staff che seguono la gara cercano di raccogliere tutto: in quell'occasione ho fatto un rifornimento più lungo del normale perché ho voluto chiudere il contenitore e darlo in mano al mio allenatore.

 

 

Che cosa fai per tenerti in forma?

Faccio palestra che comunque è molto legata al nuoto, poi mi piace molto camminare anche da sola soprattutto quando devo pensare e ho bisogno di passare del tempo per conto mio.

 

 

Che rapporto hai col cibo? Hai qualche peccato di gola?

Cerco di stare attenta a ciò che mangio per non ingrassare, evito la pasta alla sera, mangio carne o pesce e verdura. Qualche volta un dolcetto me lo concedo ma non tutti i giorni!

 

Peccati di gola ne ho: amo in particolare il gelato, la pizza e i tortellini, tutte cose che però mangio con moderazione...magari in estate mi capita di mangiare il gelato un po' più spesso però cerco di stare attenta.