Polpette | Dagli avanzi alle cucine stellate

L’arte della polpetta

Utilizziamo il cibo che avanza per preparare golose polpette.

 

L’Expo 2015 si avvicina a grandi passi e con esso diventeranno di grande attualità anche i temi legati al non-spreco alimentare.

 

La Confederazione Italiana Agricoltori, basandosi su dati Fao, ha reso noto qualche mese fa che ogni famiglia italiana spende mediamente in un anno 515 euro in alimenti che poi non consuma, con uno spreco pari a circa il 10 per cento della spesa mensile. In pratica si tratta di oltre 4mila tonnellate di cibo acquistate e gettate in discarica ogni giorno.

 

Sono cifre impressionanti che tutti però possiamo contribuire a ridurre, in un modo semplice che può persino rivelarsi divertente e gustoso: riciclare gli avanzi.

 

E se gli chef stellati si cimentano con piatti “di riciclo”, utilizzando tecniche sofisticate e ingredienti inconsueti, noi possiamo rispondere loro a suon di preparazioni prese dalla tradizione popolare e dalla spesa quotidiana, per esempio impastando e cuocendo tante deliziose polpette.

 

Pensate che la polpetta è considerata così nobile da diventare, proprio nei luoghi del mangiar raffinato, oggetto di lezioni di cucina e di abbinamenti di colori e sapori differenti.

 

Una top five delle polpette più golose e creative:

 

La tradizionale viene dalla Campania e si prepara con carne macinata, uvetta e pinoli, cuocendola nella salsa di pomodoro.

 

La vegetariana, che si fa impastando tante verdure-principalmente melanzane-ma anche zucchine, gambi di carciofo e naturalmente pane raffermo bagnato nel latte e grana.

 

L’ultima spiaggia, fatta con tonno in scatola e pane o grissini secchi ammollati, più qualche cappero e sottiletta a pezzetti.

 

L’orientale, a base di pollo arrosto tritato, qualche oliva, pan carrè bagnato con latte, il tutto impanato nel sesamo con un po’ di curry.

 

La dolcenera, preparata a freddo con cioccolato grattugiato avanzato dalle uova di Pasqua, mescolato con poca panna montata e avanzi di colomba pasquale, passata infine nella graniglia di nocciole e servita in un pirottino individuale.


© 2018 Olio Cuore - Div. di BONOMELLI Srl - P.I. IT01590761209